L’Unità Pastorale

A partire da settembre 2015 anche le comunità parrocchiali di San Pietro in Rometta, SS. Consolata, San Michele e Pigneto hanno iniziato questa nuova avventura del cammino in “Unità Pastorale” sotto la guida di un solo parroco, don Marco Ferrari e con i collaboratori don Romano Messori, don Giancarlo Bertolini e don Sandro Pulliani.

Gli orientamenti diocesani relativi all’Unità Pastorale così la definiscono:

“All’interno della Chiesa diocesana, l’UP è la comunità cristiana che prende forma in un determinato territorio, fisicamente non troppo ampio e socialmente significativo, in cui cioè la vita quotidiana dei fedeli nelle sue dimensioni fondamentali (quali ad esempio la residenza, i servizi al cittadino, l’identità culturale…) si sviluppa; essa è costituita dalle diverse comunità locali che abitano il territorio, stabilmente congiunte tra loro nel vincolo della comunione ecclesia- le; la cura pastorale unitaria, affidata a uno o più presbiteri, è a servizio dell’evangelizzazione attraverso un progetto pastorale unitario, di cui responsabile è l’intero gruppo dei fedeli, articolato nelle diverse comunità locali e guidato dal presbitero/i” (Orientamenti Diocesani, settembre 2015).

Unità Pastorale vuol dire imparare a camminare insieme, non vuol dire “facciamo tutto insieme”, senz’altro si tratta di volgere un nuovo sguardo al nuovo agire pastorale nella prospettiva futura di un sempre minor numero di sacerdoti. Come recita il documento citato si tratta di “precisare così i due livelli fondamentali di organizzazione della presenza ecclesiale sul territorio: da un lato, quello della comunità locale e, dall’altro, quello dell’Unità pastorale, nella quale tali comunità sono stabilmente congiunte. Nulla toglie poi che in alcuni casi e per alcune attività, diverse comunità locali possano operare insieme, anche quando non sia coinvolta l’intera UP”(n. 19).

Alcuni dati delle Parrocchie che compongono l’Unità Pastorale “Madonna del Carmelo:

 

Parrocchia SS. Consolata, Via Consolata, 105, Comune di Sassuolo (MO) Abitanti 8.000

Parrocchia San Pietro in Rometta, Via Milano, 120, Comune di Sassuolo (MO) Abitanti 6.350

Parrocchia San Michele dei Mucchietti, Via San Michele, 329, Comune di Sassuolo (MO) Abitanti 2.200

Parrocchia SS. Nazario e Celso in Pigneto, Via Chiesa di Pigneto, Comune di Prignano sulla Secchia (MO) Abitanti 800

Avvisi | Eventi

    Questo povero grida e il Signore lo ascolta…..

    Oggi si accendono i riflettori su qualcosa che gli altri giorni è normale quotidianità.

    Noi del centro di ascolto caritas le voci dei poveri e queste grida le sentiamo da vicino. Ciò nonostante abbiamo bisogno, come tutti, di un promemoria per riaprire le orecchie e fare un po’ di silenzio, per ascoltare meglio e per riflettere ancora una volta su certe questioni. Il messaggio è molto chiaro. Sentire questo grido è necessario e ci fa bene. Questo grido è come un campanello, ci sveglia dal torpore, fa saltare la nostra tranquillità, ci sollecita a donare la vita come chi segue Cristo deve saper fare. Chi lo sente non riesce più a fare finta di niente. Chi lo sente davvero non riesce più a passare oltre e a girarsi dall’altra parte. Il grido del povero il Signore lo ascolta davvero. Non dimentichiamolo. Il Signore ha un orecchio di riguardo per questo grido e per chi si adopera per consolarlo. Sentirlo non deve spaventarci. Non possiamo lasciarci paralizzare dalla paura. Passare dalla paura all’incontro è la strada maestra per superare la nostra immobilità di opere e di cammino di fede. Crediamoci davvero. Il Signore ascolta e interviene sul serio, spesso attraverso vie inimmaginabili, attraverso noi, sua Chiesa. (Non è un meraviglioso e incredibile progetto?)

    L’esperienza che facciamo come operatori del centro di ascolto è un po’ questo percorso.

    Sperimentiamo l’incontro con l’altro, l’incontro con i suoi limiti (e i nostri), con le sue fragilità e i suoi punti di forza, con i suoi lati oscuri e i suoi slanci di generosità. Sperimentiamo come l’incontro cambia l’altro e cambia noi. Sperimentiamo che un grido accolto non è più un rumore fastidioso o che spaventa. A tu per tu tutto si ridimensiona, tutto si vede più a fuoco. Quello che da fuori fa paura da dentro diventa sicurezza. Quello che da fuori non si conosce da dentro diventa familiare. Non è una passeggiata, lo sappiamo, ma ne vale la pena. Provare per credere. E mentre diciamo «Coraggio! Alzati, ti chiama!» questo coraggio diventa anche nostro.

    (operatori centro di ascolto UP)

    (Il libro della gloria: Gv 13-21)

    Introduzione al Vangelo di Giovanni (Il libro della Gloria) col biblista don Matteo Mioni

    Mercoledì 14 novembre 2018 , Carmelo, ore 21.00        La lavanda dei piedi e annuncio del tradimento di Giuda (13,1-30)

    Mercoledì 21 novembre, Casa Carità, ore 21.00  L’Addio (13,31-14,31)

    Mercoledì 28 novembre, Consolata, ore 21.00    La vera vite – I discepoli e il mondo (15,1-16,4)Mercoledì 5 dicembre, Rometta, ore 21.00

    Mercoledì 12 dicembre, San Michele, ore 21.00   La venuta del Paraclito e l’annuncio di un pronto ritorno (16,4-33 )

    Mercoledì 19 dicembre, Casa Carità, ore 21.00    La preghiera di Gesù (17,1-26)

    Mercoledì 9 gennaio 2019 , Consolata, ore 21.00            La passione (18)

    Mercoledì 16 gennaio, Casa Carità, ore 21.00       La passione (19)

    Mercoledì 23 gennaio, Rometta, ore 21.00             Il giorno della Risurrezione (20)

    Mercoledì 30 gennaio, Pigneto, ore 21.00              Epilogo: apparizione sul mare di Tiberiade (21)

    Destinatari: Adulti e giovani

    Orari: Dalle 21.00 alle 21,50

    Modalità: gli incontri avverranno all’interno

    dell’Unità Pastorale “Madonna del Carmelo”

    secondo lo schema della “Lectio Divina”